NATALE IN SICUREZZA, TAMARO (SAP TRIESTE) È INTERVENUTO AI MICROFONI DI TG TELE 4

Il Segretario Provinciale del SAP di Trieste, Lorenzo Tamaro, ospite nello studio di Tele4 per l’approfondimento del TG, è intervenuto per andare a fondo sul tema del Natale in sicurezza: anche in questi giorni di festa molti colleghi sono impegnati per salvaguardare la sicurezza dei cittadini, tra vari eventi sportivi o l’allerta per possibili attacchi terroristici.

Inoltre il Segretario ha voluto ricordare i tre poliziotti morti nella “Strage di Natale” di Udine del 23 dicembre 1998.

 


TAMARO (SAP TRIESTE) AD AGORÀ: PRIMI SEI MESI 2023 RINTRACCIATE PIÙ DI 6MILA PERSONE DA POLIZIA DI FRONTIERA

«Solo la polizia di frontiera di Trieste nel 2022 ha rintracciato più di 7mila persone, nei primi sei mesi del 2023 più di 6mila, ma nel contesto globale della città di Trieste sono triplicati gli arrivi nel 2023 rispetto al 2022». È quanto ha affermato Lorenzo Tamaro, Segretario Provinciale del SAP di Trieste, intervistato da Agorà su Rai 3, per fare il punto sugli ingressi irregolari nella regione. «Sono numeri importanti, che noi facciamo spesso fatica a gestire, proprio perché abbiamo un organico veramente carente rispetto a quelle che sono le piante organiche previste e abbiamo degli uffici di polizia che ovviamente non sono adeguati a poter affrontare un fenomeno di questo tipo. Prima del 2007 quando c’erano i confini attivi avevamo 260 unità della polizia di frontiera, oggi ne dovremmo avere 120 invece ne abbiamo solo 100. È chiaro che all’epoca non c’era un fenomeno così importante della Rotta Balcanica che in questi anni è stata letteralmente dimenticata da tutti e adesso invece trova un momento molto fiorente».

Proprio ieri in una nota il Segretario provinciale ha ricordato che: «Abbiamo più volte evidenziato il pericolo di ignorare l’identità e gli intenti delle persone provenienti dalla “Rotta Balcanica”, molte delle quali di fede islamica. Gli accadimenti internazionali di questi giorni impongono un atto inevitabilmente dovuto che prevede un dispositivo di sicurezza diverso da quello ordinario e quindi la sospensione di Schengen. L’annuncio di un invio, senza precedenti nel numero, di operatori di Polizia per poter ripristinare i controlli alla frontiera – ha aggiunto – è senz’altro la prova di un’attenzione e considerazione del fenomeno e della sua pericolosità che coinvolge il nostro territorio e che non trova riscontri simili nei precedenti Governi. Rimane comunque il problema della logistica degli uffici di Polizia che è del tutto inadeguata e che auspichiamo possa anch’essa essere contemplata dall’Esecutivo».

 

AGENPARL.EU

TRIESTEPRIMA.IT

ILPICCOLO

TELEANTENNA.IT

TELEQUATTRO

 

 


SEMINARIO A TRIESTE, “IL DISEGNATORE ANATOMICO IN INDAGINI CRIMINOLOGICO FORENSI”

Il SAP di Trieste insieme con il Comune, ha organizzato per il 25 ottobre 2023 con inizio alle ore 09:00, presso l’Auditorium del Museo Revoltella, il Seminario “Il Disegnatore Anatomico in indagini criminologico forensi”. Il Relatore sarà il Maestro d’Arte Dr.ssa Elena Pagani, che parlerà della risoluzione di tre casi di cronaca nera estremamente diversi tra loro, che hanno interessato l’opinione pubblica nazionale e che hanno trovato soluzione attraverso i disegni del relatore. Il seminario sarà introdotto dal Segretario Provinciale del SAP Lorenzo Tamaro.

IL PICCOLO

INFORMATRIESTE.EU

AGENPARL.EU

TRIESTEPRIMA.IT

 


ROTTA BALCANICA, TAMARO (SAP TRIESTE): È PERICOLOSO IGNORARE L’IDENTITÀ DEI MIGRANTI

Il 12 ottobre scorso si è svolta la 1^ Commissione Consiliare con oggetto “Audizione delle realtà impegnate nell’ambito dell’accoglienza” alla quale è intervenuto il Segretario Provinciale del SAP Lorenzo Tamaro: «E’ pericoloso, ancor più dopo gli accadimenti internazionali di questi giorni, ignorare l’identità e gli intenti dei migranti. Il SAP ha osservato che la Polizia sta lavorando in condizioni veramente difficili e con un numero di agenti che è al di sotto di quanto previsto. Oggi la Polizia di Frontiera si trova con 100 agenti invece di 120 a dover compiere il lavoro di retro-valico oltre che contrastare l’immigrazione clandestina. Anche la Presidente della Repubblica Slovena nei giorni scorsi ha dichiarato che l’Italia è stata lasciata sola su questo fenomeno».

AGENPARL.EU

TRIESTEPRIMA.IT


MIGRANTI, TAMARO (SAP TRIESTE): CI SONO LE RISORSE PER L’INTEGRAZIONE DI TUTTI?

Il tema dei migranti che attraversano la parte nord-orientale del nostro paese è sempre all’ordine del giorno. Da gennaio 12.000 migranti, tra cui 200 famiglie, hanno oltrepassato il confine con la Slovenia, passando per la città di Trieste ed hanno trovato la solidarietà dei tanti volontari che si occupano di questa emergenza. Il Segretario Provinciale di Trieste, Lorenzo Tamaro, oltre a porsi il problema che riguarda quotidianamente i colleghi sul territorio, si è espresso così sulle sorti dei migranti: «Siamo sicuri che la nostra società ha le risorse per affrontare l’integrazione reale di così tante persone?».

IL PICCOLO


ROTTA BALCANICA: TAMARO (SAP TRIESTE), NORMATIVE VECCHIE NON CONSENTONO DI CONTRASTARE TRATTA DI PERSONE

L’aumento del flusso migratorio proveniente dalla Rotta Balcanica sul nostro territorio così come il grave problema del traffico di persone sono stati al centro della conferenza stampa “Rotta balcanica – Capolinea Trieste” organizzata dal Sap di Trieste. «Il problema delle strutture adeguate si scontra con i problemi di logistica legati proprio a un fenomeno come questo e le normative ormai vecchie non permettono di contrastare un reato grave come la tratta di persone», ha affermato il segretario provinciale Lorenzo Tamaro nel corso dell’evento, al quale hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore regionale Pierpaolo Roberti, l’inviato di guerra Fausto Biloslavo e l’ex dirigente della Polizia di Stato ed esperto di cooperazione internazionale Giuseppe Colasanto.

«Dal Governo ci aspettiamo un intervento forte sulla rotta balcanica e sui Paesi che si trovano lungo il suo percorso. A livello internazionale, l’Italia non è un Paese di primo ingresso in Unione europea e non deve quindi essere trattato come tale», ha aggiunto da parte sua Roberti.

 

IL PICCOLO

AGENPARL.EU

ILFRIULI.IT

TRIESTEALLNEWS.IT

TELEFIULI.IT

REGIONE.FVG.IT

DIARIOFVG.IT

ASSOWEBTV.COM

 


CONVEGNO DEL SAP SULLA ROTTA BALCANICA

Lunedì 9 ottobre 2023 alle ore 17:00 presso la sala Unicusano sita a Trieste, si svolgerà la Conferenza intitolata “ ROTTA BALCANICA – Capolinea Trieste ”. Il tema verte sulle problematiche causate dai flussi migratori provenienti dalla Rotta Balcanica sul nostro territorio. La Conferenza si pone l’obiettivo di individuare ed analizzare le criticità di tale fenomeno attraverso la testimonianza diretta dei relatori.

Moderatore del dibattito sarà il Segretario Provinciale del SAP Lorenzo TAMARO.

IL PICCOLO

INFORMATRIESTE.EU

AGENPARL.EU

TRIESTEPRIMA.IT

 

 


TAMARO (SAP TRIESTE) RICORDA I COLLEGHI ROTTA E DEMENEGO: CAMBIARE GIUSTIZIA E SICUREZZA

Il Segretario provinciale del SAP di Trieste, Lorenzo Tamaro, ha voluto ricordare i colleghi uccisi il 4 ottobre 2019 nella Questura di Trieste, rimarcando alcuni aspetti negativi che ogni poliziotto deve affrontare quotidianamente durante lo svolgimento del proprio lavoro. Queste le parole del Segretario: «Sono passati quattro anni da quel tragico pomeriggio di ottobre che ha lasciato a terra Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, due giovani servitori dei cittadini uccisi per mano di un assassino. Con quella lucida azione perpetrata all’interno della Questura, la “casa dei poliziotti”, il criminale ha messo in risalto non solo la fragilità della “giustizia”, ma anche quella della “sicurezza”. È da tempo che il SAP denuncia anche l’inadeguatezza di alcune strutture di Polizia a causa della loro tipologia, concepite spesso per altri scopi e in altri tempi e magari difficilmente dotabili di sistemi e strumenti di sicurezza. Stesso discorso vale per le dotazioni di Polizia. Questa vicenda ha aperto una gravissima ferita difficile da sanare, non solo per i familiari, ma anche per i poliziotti, per la gente comune e la città intera. La “giustizia” in questa vicenda esce indebolita, perché con le sentenze di primo e secondo grado, passa quel messaggio che in Italia il garantismo ed il buonismo nei confronti dei criminali ha il sopravvento rispetto alla brava gente, dove chi delinque trova sempre una via d’uscita. C’è qualcosa che non va in questo sistema ed è dovere di tutti concorrere a cambiarlo affinché non si ripetano più situazioni di questo genere».

IL PICCOLO

AGENPARL.EU

TRIESTEPRIMA.IT


MIGRANTI: TAMARO (SAP TRIESTE) A ‘TRA POCO IN EDICOLA’, IL FENOMENO NON PUÒ ESSERE AFFRONTATO DA UN SOLO PAESE

L’Italia è un Paese Schengen europeo e non è un confine extra Schengen, il primo confine extra Schengen è la Croazia, quindi, il primo Paese di ingresso nell’Europa di Schengen è la Croazia. A ricordarlo è Lorenzo Tamaro, Segretario provinciale del SAP di Trieste, intervistato da Stefano Mensurati nel corso di ‘Tra poco in edicola’.
«Credo che sia Slovenia che Croazia, che sono Paesi europei e aderenti al trattato di Schengen, sono Paesi dove i diritti umani sono riconosciuti, quindi non si capisce per quale motivo le richieste di protezione internazionale o di status di rifugiato politico avvengano appena in Italia. Sicuramente le forze di polizia slovene e croate non hanno quella forza che possono avere stati più grandi come l’Italia o maggiormente la Francia e la Germania. Dobbiamo pensare che la Slovenia ha una forza di polizia di seimila unità in tutto il Paese, quindi è evidente che un fenomeno così importante che non può essere legato a una nazione singola è difficile che venga affrontato da un Paese solamente».
Il conduttore della trasmissione di Rai Radio1 ha quindi chiesto come interviene in tutto questo la magistratura italiana. «Ci sono state delle ordinanze a Roma che sicuramente hanno influenzato la politica e hanno di fatto bloccato quelle che erano le riammissioni che un paio di anni fa erano riprese e si sono mostrate un ottimo strumento, efficace per poter contrastare quello che è un reato, cioè la tratta di esseri umani. La rotta balcanica si tratta di questo, ci sono delle organizzazioni criminali che sono molto fiorenti e fanno soldi su queste persone», ha spiegato Tamaro, sottolineando che «ci sono dei ricorsi da parte del ministero dell’Interno a queste ordinanze, quindi staremo a vedere come andrà a finire». Oltre al problema delle condizioni dei colleghi «che lavorano qui sul campo che sono sottodimensionati sia come personale ma anche come logistica», il Segretario provinciale del SAP di Trieste ha tenuto a ricordare che «anche qui l’arrivo di tante persone dall’Afghanistan potrebbe comunque nascondere anche qualche possibile cellula terroristica».