ROTTA BALCANICA, TAMARO (SAP TRIESTE): IL SAP RICEVUTO DALL’ASSESSORE REGIONALE

Il Segretario Provinciale del SAP Lorenzo Tamaro è stato ricevuto dall’Assessore Regionale con delega alla Sicurezza Pierpaolo Roberti. Il Segretario prendendo spunto dai dati forniti dal Prefetto di Trieste sulla cosiddetta “Rotta Balcanica”, ha evidenziato quanto erano fondate e preoccupanti le denunce della nostra organizzazione sindacale su tale tematica. Il SAP ha espresso all’Assessore tutta la propria preoccupazione per i prossimi mesi, quando la bella stagione di fatto favorirà l’arrivo di un numero ben più elevato di migranti che utilizzano la “Rotta Balcanica” per raggiungere illegalmente l’Italia. Il Segretario Provinciale ha poi voluto rimarcare che una situazione simile non è gestibile dall’attuale organico della Polizia di Frontiera, del tutto inadeguato a poter gestire così tante persone in arrivo e che di per sé è già deficitario di circa il 20% per il lavoro ordinario, quello di retro-valico. Inoltre, le strutture attualmente utilizzate dalla Polizia di Frontiera di Trieste, in particolare quella di Fernetti, sono del tutto inadeguate sia in termini di sicurezza che di capienza per poter ospitare e gestire così tante persone. Anche l’Ufficio Immigrazione, dopo aver perso lo scorso dicembre gli impiegati interinali, registra ulteriori difficoltà per la “pressione” della “Rotta Balcanica”. È necessario ed auspicabile che si provveda ad ottenere spazi adeguati e un numero maggiore di operatori della Polizia di Frontiera e dell’ufficio Immigrazione in modo da trovarsi preparati a gestire una più che probabile ondata di arrivi nei prossimi mesi. Il SAP, sull’eventuale creazione di un Hub per gli “arrivi”, non ha espresso contrarietà a patto che venga previsto un luogo riservato a questo scopo e soprattutto non venga utilizzato per questo compito il personale territoriale, ma rinforzi dedicati suppletivi.

IL PICCOLO

TRIESTECAFE.IT

INFORMATRIESTE.EU