SAP FLASH 27 DEL 4 LUGLIO 2022

È on line il Sap Flash nr.27 del 4 luglio 2022. Per scaricarlo clicca sul pulsante sottostante.


NUOVI CONCORSI PUBBLICI PER L’ASSUNZIONE DI 192 VICE ISPETTORI TECNICI DEL SETTORE TELEMATICA E 100 VICE ISPETTORI TECNICI DEL SETTORE ACCASERMAMENTO

La DAGEP  ha comunicato che in data odierna sono stati pubblicati i seguenti bandi di concorsi pubblici:

Le domande di partecipazione potranno essere presentate dalle ore 00.00 del 2 luglio 2022 alle ore 23.59 del 1° agosto 2022, utilizzando esclusivamente la procedura informatica disponibile all’indirizzo https://concorsionline.poliziadistato.it  (cliccando sull’icona “Concorso pubblico”).


CONSIGLIO RICOMPENSE PER MERITI STRAORDINARI E SPECIALI DEL 06 LUGLIO 2022 – REPORT IN AREA RISERVATA

Sono disponibili nella nostra area riservata i report del Consiglio ricompense per meriti straordinari e speciali che si riunirà il prossimo 06 luglio 2022.

Per la consultazione è possibile rivolgersi alle Segreterie Provinciali.


RILEVAZIONE PRESENZE IN SERVIZIO MEDIANTE “FOGLIO FIRMA” GENERATO DAL SISTEMA INFORMATICO PS PERSONALE

Al fine di garantire piena trasparenza nel rapporto di lavoro dei pubblici dipendenti il Dipartimento di Pubblica Sicurezza in data 27 giugno 1992 ha emanato la circolare 333.A/9801.G.D.-10.1 con la quale ha sostanzialmente disposto che laddove non fosse possibile il ricorso a procedure automatizzate per rilevare la presenza in servizio, si potesse procedere comunque alla rilevazione e al controllo attraverso sistemi tradizionali quali l’apposizione della firma sul foglio presenze. Con la predetta circolare è stato istituito il foglio presenza sul quale i dipendenti debbono apporre la propria firma all’inizio e alla fine dell’orario di servizio. Con l’introduzione del programma informatico denominato “PS Personale”, il “Foglio Presenza” giornaliero viene prodotto, in automatico, come precompilato e riporta la qualifica, il nominativo del dipendente, l‘orario di servizio previsto e lo spazio bianco dove apporre la propria firma, all’inizio e al termine della giornata lavorativa, quale attestazione di presenza in servizio, in relazione a quanto riportato nell’Ordine di Servizio. Il SAP, tenuto conto anche dell’orientamento fornito dell’Ufficio Centrale Ispettivo, ritiene che sarebbe opportuno consentire al dipendente di inserire manualmente l’effettivo orario di ingresso e di uscita accanto alla propria firma. Per cui laddove l’entrata dovesse avvenire un “ritardo” si potrebbe procedere alla eventuale compensazione attraverso un permesso breve. Inoltre, l’impossibilità di modificare gli orari di entrata e uscita espone il personale al rischio di effettuare, anche involontariamente, false attestazioni. Ciò premesso, chiediamo di interessare gli uffici competenti affinché possa essere presa in considerazione la possibilità di modificare il foglio di presenza, così come attualmente prodotto in modo automatico dal sistema PS Personale.


L’INTERVENTO DELL’ON. TONELLI ALLA CAMERA DEI DEPUTATI SULLA LIBERALIZZAZIONE DELLE DROGHE LEGGERE

L’intervento del Segretario Generale Aggiunto del SAP, On. Gianni Tonelli, alla Camera dei Deputati sulla liberalizzazione delle droghe leggere


VELINE ASSEGNAZIONI 216° CORSO ALLIEVI AGENTI: DOCUMENTO IN AREA RISERVATA

Sono disponibili nella nostra area riservata le veline di assegnazione del 216° corso allievi agenti della Polizia di Stato. Per la consultazione del documento è possibile rivolgersi presso le Segreterie Provinciali del SAP.


TAVOLO PER L’OTTIMIZZAZIONE E OPERATIVITÀ DEI REPARTI MOBILI – LA CIRCOLARE

Nel corso dei lavori del “Tavolo per l’ottimizzazione dell’organizzazione e dell’operatività dei reparti mobili della Polizia di Stato” è stata più volte evidenziata la rilevanza degli aspetti logistici connessi all’impiego del personale dei reparti inquadrati assegnato di rinforzo alle autorità di P.S. per servizi di ordine pubblico. La componente logistica, nei suoi variegati profili (quali sistemazione alloggiava, modalità e orari della fruizione dei pasti), può infatti incidere sensibilmente sull’operatività dei dispositivi pianificati, oltre che sul benessere psico-fisico del personale.

Appare, pertanto, opportuno che i dispositivi di ordine pubblico vengano pianificati tenendo debitamente in conto tali aspetti di supporto all’impiego dei reparti, nell’ambito di una preliminare, oculata valutazione.

Per maggiori approfondimenti si rimanda alla circolare in allegato.


VICE SOVRINTENDENTI PROMOSSI PER MERITO STRAORDINARIO, IL DIPARTIMENTO SBLOCCHI LA SITUAZIONE

Abbiamo scritto al Dipartimento della pubblica sicurezza al fine di valutare con attenzione la situazione concernente quegli operatori promossi Vice Sovrintendenti per merito straordinario che potrebbero essere interessati dagli effetti derivanti dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 224 del 2020.

            Il Consiglio di Stato, in un parere, ha fornito le indicazioni sulle modalità con le quali dare esecuzione alla citata sentenza, sottolineando che gli effetti della sentenza non siano estendibili ai diritti quesiti e ai rapporti ormai esauriti in modo definitivo, per avvenuta formazione del giudicato o per essersi verificato altro evento cui l’ordinamento collega il consolidamento del rapporto medesimo.

            Tuttavia, si ritiene che i recenti pronunciamenti giurisprudenziali possano indurre l’Amministrazione ad una valutazione che tenga conto delle sperequazioni tutt’ora in atto.

            Si cita, ad esempio la sentenza del TAR Calabria – Catanzaro n. 2045/2021 con la quale è stato annullato il provvedimento di diniego alla richiesta di un operatore finalizzata alla ricostruzione di carriera per ottenere la retrodatazione della decorrenza giuridica della promozione Vice Sovrintendente, richiamando in motivazione la sopravvenuta sentenza della Corte Costituzionale, applicabile ovviamente nel caso sub iudice a fronte di un rapporto non ancora esaurito.

            E’ chiaro che il limite dei rapporti quesiti finisce in definitiva per produrre perequazioni a seconda della circostanza continente che l’Amministrazione si sia o meno espressa sull’istanza di autotutela.

            La sperequazione deriva dal fatto che il singolo rapporto esaurito costituisce un frammento di un fascio di rapporti più ampio derivante dal rapporto di pubblico impiego che, in quanto tutt’ora in essere, determina le citate disparità tra operatori in servizio.

            Per tali ragioni, in un’ottica di parità di trattamento, abbiamo invitato l’Amministrazione a voler procedere con la ricostruzione di carriera nei confronti del personale interessato o comunque a voler fornire riscontro alle istanze di autotutela presentate dai colleghi in modo tale che ciascuno abbia la possibilità eventualmente di adire l’Autorità giudiziaria, al pari dei ricorrenti della citata sentenza TAR Calabria – Catanzaro,  per sottoporre la propria posizione al vaglio del potere giurisdizionale.


MINISTRO LAMORGESE: NO ALLO SPRECO DI DENARO NEI CONCORSI PUBBLICI. SI UTILIZZINO LE SEDI DELL’AMMINISTRAZIONE

In data odierna abbiamo scritto al Ministro dell’Interno in merito alla necessità di valutare con attenzione le modalità organizzative concernenti il concorso per l’assunzione di 1381 allievi agenti della Polizia di Stato, le cui prove dovrebbero svolgersi nel prossimo mese di luglio.

            La scelta di svolgere le prove concorsuali presso strutture appartenenti a soggetti terzi, infatti, risulta eccessivamente onerosa per l’erario, con costi che superano anche la somma di duecento mila euro per una sola procedura concorsuale.

            Abbiamo, in particolare, sottolineato che la scelta di esternalizzare il servizio dovrebbe rappresentare l’extrema ratio, da praticare solo laddove l’Amministrazione non abbia al proprio interno le risorse strumentali e strutturali per potersi fare carico dell’organizzazione del concorso, nel rispetto dei principi di buon andamento e economicità, rappresentando che in questo periodo molte Scuole della Polizia di Stato non risultano impegnate in corsi di formazione e, dunque, potrebbero essere utilizzate come sedi per le indicate prove di concorso, come già avvenuto in passato.