TONELLI: SUBITO TELECAMERE SU DIVISE, AUTO E CELLE DI SICUREZZA, SERVE VISIONE A 360° DELL'INTERA DINAMICA

TONELLI: SUBITO TELECAMERE SU DIVISE, AUTO E CELLE DI SICUREZZA, SERVE VISIONE A 360° DELL’INTERA DINAMICA

«Per quale motivo sono 20 anni che come sindacato avanziamo le stesse proposte? Per quale motivo non vengono collocate telecamere su tutte le divise, su tutte le auto e...
image_pdfimage_print

«Per quale motivo sono 20 anni che come sindacato avanziamo le stesse proposte? Per quale motivo non vengono collocate telecamere su tutte le divise, su tutte le auto e in tutte le celle di sicurezza in modo che possano dare uno spaccato dell’intera dinamica?». Lo ha detto l’onorevole Gianni Tonelli intervistato da Sergio Silvestrini in merito alle recenti manifestazioni di Pisa e Firenze.

Il presidente onorario del SAP ha evidenziato l’urgenza di «una norma, come avviene in altri Stati, in cui nessuno possa violare un cordone di sicurezza tra operatori delle forze dell’ordine e manifestanti, nel senso che vi debba essere una distanza minima, ad esempio, di due metri» che non bisogna violare, così da evitare il contatto.

«I tentativi di forzatura materiale del cordone impongono per forza di cose una reazione», ha precisato Tonelli, facendo notare che «dal 7 ottobre ad oggi» nelle oltre mille manifestazioni che ci sono state in tutta Italia «sono stati feriti 50 cittadini e più di 100 poliziotti. I numeri vanno visti esattamente nella loro reale dimensione: per un cittadino che viene ferito in questi scontri ci sono due poliziotti che sono stati feriti».

Alla domanda se il Ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, debba dare le dimissioni Tonelli ha risposto senza esitazione: «Assolutamente no!».

Letta 4.179 volte

CATEGORIE
NEWS

ARTICOLI CONNESSI

Archivi