SAP: LA CITTÀ DI NAPOLI MESSA A FERRO E FUOCO DAI TIFOSI DELL’EINTRACHT

SAP: LA CITTÀ DI NAPOLI MESSA A FERRO E FUOCO DAI TIFOSI DELL’EINTRACHT

Come ampiamente previsto gli ultras dell’Eintracht Francoforte hanno messo a ferro e fuoco la città. Stefano Paoloni Segretario Generale del SAP ed Ernesto Morandini Segretario Provinciale SAP Napoli hanno...
image_pdfimage_print

Come ampiamente previsto gli ultras dell’Eintracht Francoforte hanno messo a ferro e fuoco la città. Stefano Paoloni Segretario Generale del SAP ed Ernesto Morandini Segretario Provinciale SAP Napoli hanno rilasciato una dichiarazione che lascia intendere il pieno disappunto per la decisione di annullare le imposizioni previste dal Ministro Piantedosi e dal Prefetto delle città partenopea.

«Violenti incidenti sono scoppiati a Napoli causati dai tifosi dell’Eintracht. Spiace che le imposizioni previste dal Ministro Piantedosi e dal Prefetto di Napoli, che avevano ampiamente anticipato quanto sta accadendo, siano state annullate dalla giustizia amministrativa e che le autorità tedesche fossero sulla stessa linea. A causa di questo i nostri colleghi stanno rischiando la loro incolumità fisica e purtroppo domani (oggi NDR) conteremo i danni alla città. Speriamo di non dover contare altro. Ora ci chiediamo: chi pagherà i danni?».

(DIRE) Roma, 15 mar. – “Come ampiamente previsto gli ultras dell’Eintracht Francoforte stanno mettendo a ferro e fuoco la città”. Così in una nota Stefano Paoloni Segretario Generale del SAP ed Ernesto Morandini Segretario Provinciale di Napoli dicono: “Violenti incidenti sono scoppiati a Napoli causati dai tifosi del Eintacht. Spiace che le imposizioni previste dal Ministro Piantedosi e dal Prefetto di Napoli, che avevano ampiamente anticipato quanto sta accadendo, siano state annullate dalla giustizia amministrativa e che le autorità tedesche fossero sulla stessa linea. A causa di questo i nostri colleghi stanno rischiando la loro incolumità fisica e purtroppo domani conteremo i danni alla città. Speriamo di non dover contare altro. Ora ci chiediamo: chi pagherà i danni?”. (Com/Red/Dire) 20:13 15-03-23 NNNN

 

IL TIRRENO

LA NUOVA SARDEGNA

GAZZETTA DI REGGIO

GAZZETTA DI MODENA

LA NUOVA FERRARA

AGENPARL.EU

ILDESK.IT 

ILSECOLODITALIA.IT

ADNKRONOS

Letta 1.113 volte

CATEGORIE
NEWS

ARTICOLI CONNESSI

Archivi