"COME UN FORTINO ATTACCATO DAGLI APACHE": IL COLLEGA ANTONIO GURGIGNO RICORDA GLI SCONTRI COI NO TAV" - Sindacato Autonomo di Polizia

“COME UN FORTINO ATTACCATO DAGLI APACHE”: IL COLLEGA ANTONIO GURGIGNO RICORDA GLI SCONTRI COI NO TAV”

Scarica in PDFStampa “Come un fortino assediato dagli Apache: razzi, bombe carta, pietre contro di noi che eravamo lì, circondati nell’area del cantiere della Torino-Lione, qualche giorno dopo che...
Torino, 27/06/2015 foto Alberto Giachino; CORTEO NO TAV, SCONTRI CON LA POLIZIA IN VAL DI SUSA
image_pdfScarica in PDFimage_printStampa

“Come un fortino assediato dagli Apache: razzi, bombe carta, pietre contro di noi che eravamo lì, circondati nell’area del cantiere della Torino-Lione, qualche giorno dopo che l’avevamo liberato dagli attivisti No Tav.In quell’occasione rimasi gravemente ferito, mi ruppi la clavicola. Dovetti rimanere a casa tre mesi”. Così ricorda quei giorni dell’estate del 2011 l’ispettore superiore Antonio Gurgigno, in servizio alla Digos di Torino e rappresentante Sap, anche lui coinvolto in una guerriglia che durò parecchie ore e che alla fine causò oltre duecento feriti. Di attacchi al cantiere, ricorda ancora il collega, ce ne sono stati tanti, anche nella recente visita del Ministero dell’Interno Matteo Salvini; ma i nostri colleghi sono lì, con spirito di servizio e abnegazione, a difesa delle Istituzioni democratiche e anche a garanzia per chi vuole esercitare “pacificamente” l’esercizio della protesta, nei modi consentiti dalle leggi.

 

Letta 692 volte

CATEGORIE
NEWS

ARTICOLI CONNESSI

Archivi
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com