Poliziotti in piazza anche a Londra… – Sindacato Autonomo di Polizia

Poliziotti in piazza anche a Londra…

GB: STORICA MANIFESTAZIONE POLIZIOTTI, 22.000 IN PIAZZA/ANSA BOBBIES VOGLIONO AUMENTO RETRODATATO, GOVERNO DICE NO (ANSA) – LONDRA, 23 GEN – Circa 22.500 agenti di polizia hanno marciato oggi per...
GB: STORICA MANIFESTAZIONE POLIZIOTTI, 22.000 IN PIAZZA/ANSA
BOBBIES VOGLIONO AUMENTO RETRODATATO, GOVERNO DICE NO
(ANSA) – LONDRA, 23 GEN – Circa 22.500 agenti di polizia hanno marciato oggi per le strade di Londra, una manifestazione senza precedenti per i suoi numeri, indetta per protestare contro un aumento del salario del 2,5% (per gli agenti di Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord) che e’ stato retrodatato solo al primo dicembre, respingendo le richieste della categoria.
Il pacifico corteo, composto da poliziotti in borghese oggi non in servizio, ha attraversato mezza Londra. L’appuntamento era per questa mattina a Park Lane (nei pressi di Hyde park), da dove e’ partita una marcia diretta a Westminister, luogo in cui i rappresentanti sindacali degli agenti hanno presentato una petizione. Solo poche decine di colleghi in servizio garantivano l’ordine pubblico.
Simbolo della protesta era un cappellino bianco del sindacato (la Police Federation) indossato da tutti i partecipanti, con la scritta: ‘Fair p(l)ay for police’ (Giusta paga per la polizia, giocando tra l’espressione ‘fair pay’ e ‘fair play’).
Il Ministero dell’Interno Jacqui Smith per ora non ha intenzione di accontentare gli agenti, retrodatando l’aumento al primo settembre 2007 (cosi’ come e’ stato fatto in Scozia). E per questo e’ stata duramente criticata, tant’e’ che un mese fa i poliziotti ne hanno chiesto le dimissioni.
‘Ci sentiamo traditi – ha spiegato Michael Ramsden della Thames Valley Police – e non abbiamo nessuna fiducia nel ministro’. La Police Federation ha anche fatto richiesta all’autorita’ giudiziaria di valutare la decisione governativa.
Per gli agenti, con la retroattivita’ al primo dicembre, l’aumento equivale di fatto all’1,9%, meno dell’inflazione.
Rispetto ai colleghi scozzesi, presenti alla manifestazione per solidarieta’, gli inglesi, i gallesi e gli irlandesi hanno perso circa 200 sterline a testa (267 euro).
‘Non e’ una questione di soldi – ha sottolineato l’agente Mick Powell – ma stiamo parlando del futuro della polizia e di una sua modernizzazione’.
Secondo i poliziotti, un lavoro cosi’ pericoloso non viene valorizzato e riconosciuto nella maniera opportuna. ‘Questi uomini e queste donne mettono quotidianamente a repentaglio la loro esistenza e meritano di essere trattati correttamente’.
Tra le richieste, la polizia ha rivendicato anche il diritto di sciopero.
Il primo ministro Gordon Brown ha dichiarato che avrebbe voluto dare l’aumento richiesto, ma ha spiegato che occorre limitarli per ‘lottare contro l’inflazione’.
Brown aveva precedentemente spiegato che in Scozia gli arretrati erano stati pagati solo congelando i piani di assunzione di 500 agenti. Lo stipendio dei poliziotti, sempre a detta del primo ministro, e’ salito del 39 per cento negli ultimi 10 anni. La paga minima in Gran Bretagna e’ di 21.500 sterline l’anno (circa 29mila euro) per un poliziotto semplice e di 33.800 sterline (circa 45mila euro) per chi e’ in servizio da molti anni.

Si tratta della prima manifestazione dei ‘Bobbies’ da quando, sei anni fa, 5.000 agenti scesero in piazza per chiedere salari piu’ flessibili e migliori condizioni di lavoro.
(ANSA)

I83-NS 23-GEN-08 17:48

image_pdfScarica in PDFimage_printStampa

Letta 366 volte

CATEGORIE
LazioNEWSSegreterie regionali

ARTICOLI CONNESSI

Archivi
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com