IL SAP DI TORINO PRESENTE ALLA RIUNIONE SULLO SGOMBERO DI ASKATUSANA: "NON CI HANNO FATTO PARLARE"

IL SAP DI TORINO PRESENTE ALLA RIUNIONE SULLO SGOMBERO DI ASKATUSANA: “NON CI HANNO FATTO PARLARE”

Sulla base dei gravi accadimenti, causati dai No Tav, a San Didero nel torinese, che ha visto il ripetersi del solito e inconcepibile canovaccio fatto di violenza contro la...

Sulla base dei gravi accadimenti, causati dai No Tav, a San Didero nel torinese, che ha visto il ripetersi del solito e inconcepibile canovaccio fatto di violenza contro la Polizia, che ha creato tensioni e disordini, il comune di Torino nella giornata di ieri ha ritenuto opportuno indire un incontro straordinario per parlare dello sgombero del centro sociale Askatasuna, l’ala più oltranzista dei movimento No Tav che ha attaccato le forze dell’ordine a San Didero, a ridosso del cantiere per i lavori del nuovo autoporto di Susa, opera collegata alla Torino-Lione. Quattordici i feriti nella polizia, colpiti da sassi e bombe carta.
Il SAP Torino (Sindacato Autonomo di Polizia) ha partecipato alla riunione chiedendo una posizione netta su Askatasuna all’Amministrazione che gli ha tolto parola.
“La nostra richiesta all’amministrazione comunale di assumere una posizione netta, a favore o contro lo sgombero dello stabile occupato da Askatasuna ha fatto sì che il presidente di Commissione interrompesse la seduta di fatto togliendoci la parola, che ci era stata data come cittadini. Se è questo il diritto di opinione che il Comune intende dare ai propri cittadini, siamo delusi e amareggiati”.
“Abbiamo solo chiesto al Comune di prendere una posizione, seppur politica, su un’occupazione che va avanti da 26 anni, zittendoci è stato leso il diritto fondamentale della libertà di opinione e pensiero. Ma la nostra battaglia per la legalità continuerà”, conclude il Sap.
Lo stesso Stefano Paoloni Segretario generale del SAP ieri ad AdnKronos diceva: “Ormai è accertato che queste non sono manifestazioni pacifiche, perché non se ne salva una di quelle che vengono organizzate in quel contesto e da determinati promotori come quelli del centro sociale Askatasuna. E’ scientifico: ogni volta sfociano in episodi di violenza. E ogni volta ci troviamo a contare i feriti (e per fortuna solo feriti!): questa settimana 14 tra le forze dell’ordine. Dover gestire queste manifestazioni violente è anche un grandissimo spreco di denaro pubblico. Basta, è ora che si cominci a vietarle”. Così Stefano Paoloni, segretario generale del Sap, intervistato da Adnkronos, interviene sui disordini di sabato nei pressi del cantiere di San Didero, in Val di Susa.

 

image_pdfSCARICA IN PDFimage_printSTAMPA

Letta 1.654 volte

CATEGORIE
NEWS

ARTICOLI CONNESSI

Archivi