AGENZIE STAMPA: IL SAP AL PRIMO INCONTRO CON IL NEO MINISTRO DELL’INTERNO PIANTEDOSI

AGENZIE STAMPA: IL SAP AL PRIMO INCONTRO CON IL NEO MINISTRO DELL’INTERNO PIANTEDOSI

IL SAP AL PRIMO INCONTRO CON IL NEO MINISTRO DELL’INTERNO PIANTEDOSI E’ stato espresso apprezzamento in merito alla regolamentazione dell’ergastolo ostativo di cui si e discusso durante il primo...

IL SAP AL PRIMO INCONTRO CON IL NEO MINISTRO DELL’INTERNO PIANTEDOSI

E’ stato espresso apprezzamento in merito alla regolamentazione dell’ergastolo ostativo di cui si e discusso durante il primo Consiglio dei Ministri. Numerose sono le questioni sul tavolo e che dovranno essere affrontate riguardo alla sicurezza poiché l’apparato sconta ancora la forte debilitazione provocata dai tagli della spending review e della legge Madia.

Prioritariamente è stato chiesto di intervenire in merito alle “garanzie funzionali” con norme e dotazioni adeguate per consentire agli operatori di poter svolgere al meglio la loro funzione. Una battaglia cara al Sindacato e che viene portata avanti dal SAP da numerosi anni.

Questo perché ad oggi, si è sempre più vittime dell’Atto dovuto e delle strategie difensive degli avvocati che ci costringono ad affrontare lunghi processi penali per fatti di servizio che nella maggior parte dei casi si concludono con l’archiviazione. E’ stato sottolineato come siano necessari mezzi e dotazioni efficaci che possano rendere gli interventi del Comparto Sicurezza sempre più sicuri come ad esempio l’implementazione dei Taser e l’adozione di giubbotti anti proiettile e antitaglio come quelli utilizzati in fase di sperimentazione.

Inoltre è stato anche chiesto di prevedere un piano di finanziamento per le assunzioni finalizzate a ripianare gli organici e contestualmente a rivedere le procedure concorsuali oggi troppo lunghe e farraginose.

Sicurezza Sap ripianare gli organici troppi tagli in passato
martedì 22/11/2022 17:53

AGI1169 3 CRO 0 R01 AGI – Roma 22 nov. – Sono numerose le questioni che devono essere affrontate riguardo alla sicurezza poiche’ l’apparato sconta ancora la forte debilitazione provocata dai tagli della spending review e della legge Madia . E’ quanto afferma in una nota il Sap il Sindacato autonomo di polizia dopo l’incontro con il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi. Prioritariamente e’ stato chiesto di intervenire in merito alle garanzie funzionali con norme e dotazioni adeguate per consentire agli operatori di poter svolgere al meglio la loro funzione. Inoltre – si legge nella nota – e’ stato anche chiesto di prevedere un piano di finanziamento per le assunzioni finalizzate a ripianare gli organici e contestualmente a rivedere le procedure concorsuali oggi troppo lunghe e farraginose. Procedure che hanno portato a grandi ritardi nel ripianamento dei vari ruoli. Pertanto abbiamo chiesto di intervenire anche con lo scorrimento riguardo alle graduatorie ancora vigenti . Non abbiamo mancato di segnalare – evidenzia poi il Sap – che per realizzare il ripianamento degli organici e’ fondamentale l’immissione di giovani agenti e che ogni iniziativa riguardo a eventuali trattenimenti oltre i 60 anni di eta’ sono da ritenere scellerati e dannosi per l’apparato. Oltre cio’ e’ stato chiesto di intervenire con urgenza in merito alla previdenza dedicata per poter utilizzare le risorse gia’ stanziate nella precedente legge di bilancio finalizzate a compensare la mancata attivazione della previdenza complementare. Il ministro ha assicurato attenzione da parte dell’Esecutivo nei riguardi della sicurezza e che nello sviluppo della legge di bilancio saranno individuate le risorse per i primi importanti interventi . AGI Com Cop 221750 NOV 22 NNNN

image_pdfSCARICA IN PDFimage_printSTAMPA

Letta 1.692 volte

CATEGORIE
NEWS

ARTICOLI CONNESSI

Archivi