Esame congiunto alloggi a titolo gratuito connessi all’incarico

Su richiesta del SAP e di altre sigle si e’ svolto presso il Dipartimento, nella giornata del 27 settembre, l’esame congiunto per la valutazione della bozza del Regolamento per la concessione degli alloggi di servizio a titolo gratuito connessi all’incarico, emanato ai sensi del D.M. n.574 del 6.8.92. Per la parte pubblica erano presenti il Dr. De Cristoforo degli AA.GG., il V. Prefetto De Rosa delle Relazioni Sindacali, il Dr. Caliendo delle Risorse Umane e il Dr. Guerrini del Tecnico-Logistico. Per il SAP ha partecipato il Segretario Nazionale Michele Dressadore.

Inizialmente venivano consegnati il testo del D.M. del 7 marzo 2011 e una nuova bozza di Regolamento con le modifiche introdotte dal citato decreto.
Gli estensori della bozza in esame hanno spiegato che l’obiettivo perseguito nel loro lavoro e’ stato quello di individuare in capo ad un’ampia lista di responsabili di uffici (dal Questore al comandante di Distaccamento Stradale, passando per i dirigenti di Divisione, Compartimento, ecc…) il diritto all’alloggio di servizio gratuito. Diritto che, peraltro, viene gia’ riconosciuto ad una nutrita schiera di appartenenti all’Arma dei Carabinieri posti nelle medesime condizioni di responsabilita’ e che viene garantito attingendo allo stesso specifico capitolo di bilancio del Ministero dell’Interno che riguarda la Polizia di Stato.

Praticamente unanime e’ stata, da parte delle rappresentanze del personale, la richiesta di premettere alla disamina dell’atto in emanazione la ricognizione del patrimonio di alloggi disponibili, degli assegnatari e delle unita’ non occupate.
Il SAP, in particolare, ha posto la necessita’ di verificare la reale portata finanziaria della norma proposta atteso che laddove la disponibilita’ di alloggi sia inferiore agli aventi diritto si dovra’ provvedere con il rimborso dei canoni di affitto. Indispensabile quindi determinare in anticipo il rapporto tra la consistenza della effettiva disponibilita’ finanziaria e la spesa da sostenere, ma anche l’incidenza degli esborsi generati da altri criteri introdotti dal Regolamento (l’indipendenza dell’ingresso degli alloggi rispetto all’Ufficio e la metratura differenziata a seconda della qualifica) e soprattutto la suddivisione delle disponibilita’ economiche con l’Arma.
Fortemente criticata dal SAP l’assenza di una qualsiasi eccezione al diritto dell’alloggio, nemmeno la piu’ semplice ed eclatante, ossia il caso in cui il possibile beneficiario possieda o abbia disponibilita’ di un’abitazione nella sede dove svolge servizio. Cio’ rileva anche in funzione di un altro importante elemento: la concessione a titolo oneroso degli alloggi non occupati ad altri dipendenti che ne facciano richiesta, aspetto considerato poco e male nella bozza di regolamento proposta.


Read more