Effetti della nostra mobilitazione: Crosetto “sfiducia” Tremonti sulla sicurezza – Sindacato Autonomo di Polizia

Effetti della nostra mobilitazione: Crosetto “sfiducia” Tremonti sulla sicurezza

GOVERNO: CROSETTO, PRIMA O POI SI PORRA’ PROBLEMA TREMONTI MINISTRO UMILIA CON SUO ATTEGGIAMENTO FORZE DELL’ORDINE (ANSA) – ROMA – ”Una mozione di sfiducia non penso che sia uno...
GOVERNO: CROSETTO, PRIMA O POI SI PORRA’ PROBLEMA TREMONTI
MINISTRO UMILIA CON SUO ATTEGGIAMENTO FORZE DELL’ORDINE

(ANSA) – ROMA – ”Una mozione di sfiducia non penso che sia uno strumento perseguibile in questo momento. E’ certo pero’ che prima o poi si porra’ il tema di un ministro che dice l’opposto per il 99,9 per cento rispetto a quello che sostengono gli eletti alla Camera e al Senato del partito che esprime”.
Guido Crosetto, sottosegretario alla Difesa, intervistato da Affaritaliani.it, parla cosi’ della possibilita’ di una mozione di sfiducia a Tremonti avanzata dal pidiellino Giorgio Stracquadanio.
”Siamo tutti stufi – aggiunge il parlamentare – di prendere schiaffi ogni giorno da Confindustria e da chiunque passi per la strada e di essere accusati di mancanza di proposte su un tema in cui ha lui la delega. Sono stufo, ad esempio, di sentirmi un verme quando parlo con un poliziotto o un carabiniere. Nonostante gli impegni presi da Maroni, La Russa e Berlusconi, Tremonti tiene fermo il decreto per il personale delle forze armate e di polizia e si rifiuta di firmarlo nonostante i soldi siano stati presi all’interno dello stesso comparto. Guardo oggi alla Val Susa e penso alle forze dell’ordine, ma lui e’ tranquillo a casa. Penso che li umili con il suo atteggiamento. Non mi lascia affatto sereno, anche perche’ il suo partito e’ tutto favorevole al decreto per poliziotti e carabinieri. E questo e’ solo uno dei mille esempi”.
Sarebbe meglio cambiare il ministro dell’Economia? ”Sarebbe meglio – risponde Crosetto – che si desse una mossa. Non e’ li’ perche’ e’ stato benedetto da Dio, e’ espressione di un partito.
Io certamente non mi sento rappresentato ne’ da lui ne’ da molte delle idee che esprime ultimamente, ma soprattutto non mi sento rappresentato dai ‘no’ che su ogni proposta dice da troppi mesi.
Ma mi rendo conto che cambiare il ministro dell’Economia sia difficile. Se e’ li’ vuol dire che la maggioranza del Pdl lo vuole. Io sono la minoranza, evidentemente”. (ANSA) CSS 23-OTT-11


Read more


image_pdfScarica in PDFimage_printStampa

Letta 242 volte

CATEGORIE
NEWSRoma

ARTICOLI CONNESSI

Archivi
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com