Caso Aldrovandi: la replica del SAP alle accuse con il Presidente Nazionale Gianni Tonelli (Agenzia Parlamentare) – Sindacato Autonomo di Polizia

Caso Aldrovandi: la replica del SAP alle accuse con il Presidente Nazionale Gianni Tonelli (Agenzia Parlamentare)

CASO ALDROVANDI: SAP REPLICA ALLE ACCUSE Caso Aldrovandi, il sindacato di polizia Sap replica alle accuse con il presidente nazionale Gianni Tonelli: “Nostra campagna #vialamenzogna serve a far conoscere...
CASO ALDROVANDI: SAP REPLICA ALLE ACCUSE
Caso Aldrovandi, il sindacato di polizia Sap replica alle accuse con il presidente nazionale Gianni Tonelli: “Nostra campagna #vialamenzogna serve a far conoscere ai cittadini la verita’, legittimo chiedere la revisione del processo. Pubblicizzeremo tutti i documenti e le carte processuali”

(AGENPARL) – Roma, 26 feb – Il Sindacato Autonomo di Polizia rilancia la propria campagna #vialamenzogna e risponde a chi contesta l’iniziativa: “Sono veramente stupito dalle reazioni che ha sortito la campagna del Sap, soprattutto da parte di chi sostiene la colpevolezza dei nostri colleghi. Premettendo che e’ un diritto di tutti i cittadini dichiararsi innocenti e ambire ad un processo di revisione che possa ribaltare una sentenza di condanna, desidero far rilevare che l’iniziativa del Sindacato Autonomo di Polizia e’ finalizzata unicamente ad avvicinare i cittadini alla realta’ processuale, a partire dal caso Aldrovandi ma non solo, attraverso l’accesso e la pubblicizzazione di tutti i documenti”. E’ quanto afferma Gianni Tonelli, presidente nazionale del sindacato di polizia Sap, uno dei maggiori.
“Non intendiamo propinare la nostra versione – dice Tonelli -, ma unicamente quella che viene fuori dalle carte del processo. I colpevolisti, se sono realmente convinti che la responsabilita’ dei poliziotti emerga al di fuori di ogni ragionevole dubbio dalla documentazione processuale, dovrebbero ringraziarci in quanto stiamo portando acqua al loro mulino. Pertanto, l’ingiustificata levata di scudi che registriamo contro la Polizia ci rafforza nei nostri convincimenti e ci determina ancor piu’ a proseguire nel nostro percorso. E’ un obbligo morale conoscere la verita’ prima di puntare il dito e accusare ingiustamente, altrimenti si da’ sfogo al pregiudizio e ad avversita’ preconcette”.


Read more


image_pdfScarica in PDFimage_printStampa

Letta 275 volte

CATEGORIE
NEWSRoma

ARTICOLI CONNESSI

Archivi
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com