Auto della Polizia incendiata nella notte a Milano – Sindacato Autonomo di Polizia

Auto della Polizia incendiata nella notte a Milano

Un&#39auto della Polizia e&#39 stata incendiata la scorsa notte a Milano. Un episodio inquietante che porta alla mente analoghi fatti gia&#39 avvenuti in passato nel capoluogo lombardo. La Segreteria...
Un&#39auto della Polizia e&#39 stata incendiata la scorsa notte a Milano. Un episodio inquietante che porta alla mente analoghi fatti gia&#39 avvenuti in passato nel capoluogo lombardo. La Segreteria Generale del SAP e&#39 vicina alle colleghe e ai colleghi di Milano, cosi&#39 come a tutti i poliziotti italiani, che in queste ore e in questi giorni di festivita&#39 operano 24 ore su 24 per garantire la sicurezza dei cittadini. Nel contempo, questi episodi delinquenziali (sempre a Milano sono state incendiate anche alcune auto dei vigili), accompagnati in genere da scritte deliranti contro le Forze dell&#39Ordine, non vanno sottovalutati e, anzi, occorre tenere la guardia alta. Molto alta!

Apcom – Milano, bruciata nella notte auto PS

A fianco la scritta: dalla Grecia all&#39Italia sbirri assassini

Milano, 24 dic. (Apcom) – Intorno alle 3.40 di questa mattina ignoti hanno dato fuoco a un&#39auto di servizio della Polizia, parcheggiata alla stazione ferroviaria di Bovisa di Milano.
L&#39auto, appartenente alla Polfer, era posteggiata vuota su una rampa laterale della piccola stazione. Le fiamme l&#39hanno completamente distrutta.

Sul muro a fianco del rogo e&#39 comparsa una grande scritta a spray che recita: “Dalla Grecia all&#39Italia sbirri assassini, Alexis e Carlo vivono”. Alexis Grigoropoulos e Carlo Giuliani sono i due ragazzi uccisi da appartenenti delle Forze dell&#39ordine ad Atene e a Genova.

Sul caso sta ora indagando il personale della Digos della Questura del capoluogo lombardo.
Alp/Sar 241031 dic 08

image_pdfScarica in PDFimage_printStampa

Letta 338 volte

CATEGORIE
GenovaMilanoNEWS

ARTICOLI CONNESSI

Archivi
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com