REATO DI TORTURA: SI TUTELA IL CRIMINALE E SI AMMANETTA IL POLIZIOTTO - Sindacato Autonomo di Polizia

REATO DI TORTURA: SI TUTELA IL CRIMINALE E SI AMMANETTA IL POLIZIOTTO

CONDIVIDI L'ARTICOLO     Una legge che – come il Sindacato Autonomo di Polizia ha sempre osservato – delegittima l’operato delle Forze dell’Ordine, disarmandole. Non di poco conto l’affermazione del giurista...

Una legge che – come il Sindacato Autonomo di Polizia ha sempre osservato – delegittima l’operato delle Forze dell’Ordine, disarmandole.
Non di poco conto l’affermazione del giurista Vladimiro Zagrebelsky – notoriamente appartenente all’ala di sinistra – che ha definito la legge “un contorto groviglio giuridico”.
Questo disegno di legge che Gianni Tonelli definisce “manifesto ideologico contro le Forze di Polizia”, non reprime il reato di tortura, ma ammanetta il poliziotto limitandolo nelle sue funzioni e lasciando campo libero alle azioni criminose.
Il Sap ha da sempre chiesto che i comportamenti di tortura siano severamente puniti, ma in questo modo ad essere puniti, sono solo gli operatori di Polizia e la brava gente.

Le dichiarazioni del Segretario Generale del Sap Gianni Tonelli, sui quotidiani Il Tempo e Libero.

ILTEMPO

LIBERO

LIBEROQUOTIDIANO.IT

FANPAGE

DIRETTANEWS

 

Letta 9.050 volte

CATEGORIE
BattaglieNewsReato di tortura

ARTICOLI CONNESSI

Archivi