Manovra, si mobilita tutto il Comparto Sicurezza (lancio Adnkronos)

letta:  759  volte
Pubblicata il:  07.09.2011;

MANOVRA: SINDACATI COMPARTO SICUREZZA, PRONTI A MANIFESTAZIONE NAZIONALE
Roma, 7 set. (Adnkronos) - I sindacati delle forze dell'ordine e dei Vigili del Fuoco criticano la manovra, chiedono 'le dimissioni dei ministri Maroni, La Russa, Tremonti, Romano e Nitto Palma', annunciano 'una grande manifestazione nazionale. Per far fronte alle difficolta' finanziarie ed economiche del Paese -si legge in una nota- si puo' e si deve operare in termini di ottimizzazione delle risorse a disposizione, evitando gli sprechi e superando le duplicazioni istituzionali presenti, al fine di rendere il sistema piu' efficiente e migliorare la risposta ai cittadini. Con le scelte scellerate del Governo, infatti, non vengono penalizzati soltanto coloro che operano per la sicurezza, ma anche e soprattutto i cittadini'.
La nota e' siglata da Siulp, Sap, Ugl polizia di stato, Consap - Fns Cisl, Sappe, Ugl polizia penitenziaria, Uilpa penitenziari, Sapaf, Ugl corpo forestale, Uilpa forestali, Uilpa vigili del fuoco, Ugl vigili del fuoco.
I sindacati chiedono 'scelte concrete diverse da quelle sino ad oggi intraprese. E' impensabile ipotizzare tagli indiscriminati e lineari ai vari Ministeri, col rischio - concreto! - che, ad esempio, il Dicastero delle Politiche Agricole decida 'fare economia' esclusivamente sul Corpo Forestale dello Stato. Un rischio che corrono tutte le Forze di Polizia'. (segue) (Sin/Zn/Adnkronos) 07-SET-11 20:35 NNNN

MANOVRA: SINDACATI COMPARTO SICUREZZA, PRONTI A MANIFESTAZIONE NAZIONALE (2)
(Adnkronos) - Le organizzazioni sindacali prendono atto 'ancora una volta, del mancato rispetto degli impegni presi dal Governo e dalla maggioranza per i Comparti di riferimento, nonostante le assicurazioni piu' volte fornite, anche per iscritto. In particolare, la manovra finanziaria disconosce il principio della Specificita' della Professione, introdotto nel nostro ordinamento lo scorso anno nell'ambito del cosiddetto 'Collegato Lavoro' che riconosce la diversita' di funzioni e di mansioni degli operatori delle Forze dell'Ordine, delle Forze Armate e del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco rispetto al pubblico impiego, assicurando apposita e specifica tutela normativa, economica e previdenziale'.
'Le ultime manovre finanziarie -viene rilevato- hanno disatteso questo importante principio a partire proprio dalla questione previdenziale, costringendo il personale in divisa a permanere in servizio - a causa della cosiddetta 'finestra mobile' 12 mesi oltre i limiti di eta' previsti dal proprio ordinamento, incidendo sul trattamento di fine rapporto e rinviando ulteriormente l'avvio della previdenza complementare, necessaria per garantire agli operatori piu' giovani una pensione dignitosa in futuro'. (segue) (Sin/Zn/Adnkronos) 07-SET-11 20:43 NNNN

MANOVRA: SINDACATI COMPARTO SICUREZZA, PRONTI A MANIFESTAZIONE NAZIONALE (3)
(Adnkronos) - Gli appartenenti alle Forze di Polizia e al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco 'subiscono, come tutti i dipendenti pubblici, i mancati rinnovi contrattuali fino al 2014 e l'applicazione del tetto retributivo. Una misura penalizzante alla quale bisogna aggiungere, ad oggi, la mancata corresponsione delle indennita' relative alle anzianita' di servizio e agli avanzamenti di carriera, pur essendo state finanziate con le risorse previste per la riforma interna delle carriere ovvero con soldi nostri accantonati da anni!'
'E a proposito di riordino delle carriere e riforma del sistema sicurezza -prosegue la nota- spiace evidenziare come la commissione ministeriale istituita per riformare la Legge 121/1981 sia ridotta, ad oggi, ad un mero organo consultivo senza nessuna reale capacita' di incidere sulle scelte del Governo e del Parlamento dovendo, come rappresentato in sede di prima riunione dai responsabili del Dipartimento, stilare solo un 'libro bianco'.
Stigmatizziamo, soprattutto, l'atteggiamento denigratorio e offensivo del Governo e della maggioranza nei confronti degli appartenenti ai Comparti Sicurezza e Soccorso Pubblico: ad oggi, infatti, le organizzazioni sindacali e le rappresentanze militari sono state escluse da qualsiasi confronto o tavolo, disattendendo l'obbligo di misurarsi ed ascoltare tutte le parti sociali e, malgrado le proposte innovatrici e concrete di cui siamo portatori, finalizzate ad eliminare gli sprechi e le duplicazioni'. (Sin/Zn/Adnkronos) 07-SET-11 20:51 NNNN

Le altre News

Note esplicative compilazione schede scrutinio merito comparativo

letta:  4620  volte
Pubblicata il:  30.01.2015;

Il SAP e' intervenuto nei confronti del Dipartimento per chiedere una revisione dei criteri di valutazione dello scrutinio per merito comparativo relativo alla promozione ad Ispettore Superiore del 2014.

Cambi turno e reperibilita'

letta:  4571  volte
Pubblicata il:  30.01.2015;

Proseguono al Dipartimento le riunioni relative agli istituti del cambio turno e della reperibilita'.

Cosi' formulate le regole di ingaggio sono una FOLLIA, il SAP abbandona il tavolo ministeriale (lancio agenzia ANSA)

letta:  2889  volte
Pubblicata il:  30.01.2015;

Sicurezza: Sap abbandona tavolo Viminale su regole ingaggio
(ANSA) - ROMA, 30 GEN - Il Sap ha abbandonato il tavolo costituito al Viminale tra il Dipartimento di Pubblica Sicurezza e i sindacati di polizia per riscrivere le regole d'ingaggio per i poliziotti. Lo afferma il segretario dell'organizzazione sindacale, Gianni Tonelli, sottolineando che "in un momento in cui c'è bisogno di dare maggiore sicurezza ai cittadini, il Viminale e il Dipartimento della pubblica sicurezza tornano a proporre 'regole di ingaggio' folli che porteranno i poliziotti al 'macello giurisdizionale', disciplinare e civile"
"Nei mesi scorsi avevamo evidenziato una serie di criticità - prosegue il sindacato - che sono purtroppo ancora tutte presenti nel progetto. Ad esempio, si vuole imporre in capo ai poliziotti la 'proporzionalità' nell' uso dei mezzi di coazione fisica, che neppure la legge oggi pretende. Come si potrà, in questo caso, intervenire anche soltanto con una banale carica di alleggerimento per un blocco stradale o ferroviario, visto che il diritto alla salute dei manifestanti potrebbe essere astrattamente considerato prevalente rispetto agli eventuali ritardi e disagi nella circolazione dei treni e nel traffico stradale?.
"Pensiamo poi agli scontri di piazza - aggiunge ancora Tonelli - , come si può pensare di affrontare in un contesto di guerriglia urbana persone travisate e armate utilizzando lo sfollagente per colpire 'solo' gli arti superiori e inferiori, evitando le articolazioni? Ma non basta. In presenza di una persona in stato di allucinazione, in stato alterato per abuso di sostanze alcoliche o stupefacenti, come possiamo 'congelare' la situazione in attesa dell'arrivo del personale medico e dell'eventuale trattamento sanitario obbligatorio?" (ANSA)

Montecitorio, il SAP in piazza con gli idonei non vincitori: assumiamoli !!! (articolo del TEMPO e FOTO)

letta:  10507  volte
Pubblicata il:  29.01.2015;

Il SAP, con il Segretario Generale Gianni Tonelli, in piazza a Montecitorio con gli idonei non vincitori: abbiamo bisogno di COLLEGHI e di nuove ASSUNZIONI in Polizia !!!

IMMAGINI DA MONTECITORIO - 28 gennaio 2015

Terrorismo, assunzione idonei non vincitori, Corso Anti Terrorismo: lettera del Segretario Generale SAP ad ALFANO in prima pagina su HUFFINGTON POST

letta:  10276  volte
Pubblicata il:  29.01.2015;

Il quotidiano on line del Gruppo Espresso/Repubblica ha pubblicato in prima pagina la lettera una lettera del Segretario Generale del SAP, Gianni Tonelli, al Ministro Alfano.

Regole di ingaggio, il SAP abbandona il tavolo ministeriale

letta:  9962  volte
Pubblicata il:  29.01.2015;

E’ ripresa al Dipartimento la discussione sui protocolli operativi, le cosiddette nuove “regole di ingaggio” che dovrebbero essere adottate in tutti i servizi e gli impieghi di polizia. Il SAP ha preso parte al tavolo di confronto con il Segretario Generale Gianni Tonelli e con il Segretario Nazionale Michele Dressadore. Nei mesi scorsi abbiamo chiesto a chiare lettere al Dipartimento di cassare completamente il progetto e di presentarcene uno nuovo. Oggi la discussione è stata riaperta sul medesimo progetto. Pertanto come SAP abbiamo abbandonato il tavolo ministeriale e non parteciperemo più ad alcun confronto, confidando anche sul fatto che le altre organizzazioni sindacali adottino la stessa scelta.

Non vogliamo essere coinvolti, neppure moralmente, in questo folle progetto di regole di ingaggio che condannerebbe i Poliziotti al macello giurisdizionale, disciplinare e civile con le richieste di risarcimento danni che pioverebbero a valanga da parte dei soliti facinorosi e violenti che inquinano le nostre strade e le nostre piazze. L’intero progetto è vergognosamente ispirato a linee guida che individuano la negatività della “piazza” esclusivamente nei Poliziotti. Non sono norme a tutela, ma censorie, che individuano nuovi obblighi, forme di disciplina e soprattutto ci espongono in maniera sfacciata a sicure condanne in sede penale e civile. L’impianto complessivo non garantisce né i colleghi né i manifestanti. Servono poche regole, chiare, per sapere con certezza cosa si deve fare.

Non si può imporre in capo ai Poliziotti quello che neppure la legge pretende, come ad esempio la “proporzionalità” nell’uso dei mezzi di coazione fisica. Come si potrà, in questo caso, intervenire anche soltanto con una banale carica di alleggerimento per un blocco stradale o ferroviario, visto che il diritto alla salute dei manifestanti potrebbe essere astrattamente considerato prevalente rispetto agli eventuali ritardi e disagi nella circolazione dei treni e nel traffico stradale?

Come si può pensare di affrontare in un contesto di guerriglia urbana, come avvenuto nei giorni scorsi a Cremona, una legione di persone travisate e armate utilizzando lo sfollagente per colpire “solo” gli arti superiori e inferiori, evitando le articolazioni?

Come è possibile, tanto per proseguire negli esempi, pensare di entrare in un locale dove vi sono persone in preda ad allucinazioni, in stato alterato per abuso di sostanze alcoliche o stupefacenti, e “congelare” la situazione fino all'arrivo del personale sanitario, in attesa di eventuale loro intervento e trattamento sanitario obbligatorio? Chi ha lavorato su strada sa che occorrono anche numerose ore per tutto questo procedimento!

Queste regole sono una baggianata portata avanti nel solco di quel pregiudizio ideologico che caratterizza chi pensa che i Poliziotti debbano essere “bonificati nella mente” mediante corsi di riappacificazione. La cosa davvero sconcertante è che il Dipartimento non si sia opposto e che Mamma Amministrazione abbia supinamente sacrificato i suoi figli…

Noi non parteciperemo a questo tavolo di lavoro fino a quando il Dipartimento della pubblica sicurezza non avrà cestinato lo scellerato tomo e non si produrrà un nuovo progetto costituito da poche e chiare norme, che siano davvero a tutela dell’operatore di Polizia e di chi svolge pubbliche funzioni come quella da noi operata.

Abbiamo evitato di pubblicare sul nostro sito il fascicolo relativo alla proposta di regole di ingaggio, ma è opportuno che tutta la comunità interna ne sia a conoscenza. Invitiamo pertanto le Segreterie Provinciali, Regionali SAP e i colleghi tutti a contattare la Segreteria Generale per farsi inviare tramite mail la documentazione.

#notav, arrivano le condanne e la provvisionale per il SAP come parte civile: TEMPO, MESSAGGERO, STAMPA e CORRIERE della SERA

letta:  17196  volte
Pubblicata il:  28.01.2015;

I principali quotidiani nazionali hanno "salutato" la vittoria storica del SAP durante il processo torinese contro i notav per le violenze del 2011 (200 colleghi feriti) !!!

Terrorismo, le proposte del SAP: assunzione idonei non vincitori e corso anti terrorismo (MESSAGGERO, LIBERO e STAMPA)

letta:  17117  volte
Pubblicata il:  28.01.2015;

Le proposte del SAP trovano ancora rilievo ed evidenza sulla grande stampa.

SAP e dintorni

Archivio:   1| 2| 3| 4| 5| 6| 7|   princ.
Rocco Salvan, collega nostro iscritto e allenatore del Petrarca Padova, ha salvato un'aspirante suicida.
Il video dell'eroico gesto è stato rilanciato dal sito dell'ansa [CLICCA QUI].